Angelo Condemi, nato a Bari nel 1976, già all'età di 9 anni si trova ad aiutare suo padre nelle pizzerie di famiglia. Crescendo, la passione per la farina cresce con lui e a 23 anni apre la sua prima pizzeria a Bari, che sarà seguita da un'altra apertura nel 2004 a Polignano a Mare dove troverà il meritato successo.
Angelo ha un'altra grande passione: viaggiare. Nel 2016 ha portato la sua arte e conoscenza nella Repubblica Dominicana dove ha aperto la Bella 'Mbriana al Caribe e qui è stato immediatamente riconosciuto per il suo stile inconfondibile nel suo particolare mix e nell'arredamento del ristorante. Infine, gli italiani residenti nella Repubblica Dominicana hanno una seconda casa a 10.000 km dalla propria.

Nel febbraio 2020, la Camera dei deputati italiana le riconosce il premio "Excellence Pugliesi 2020"
ngelo non si ferma, nel 2020, inaugurerà la sua prossima Bella 'Mbriana in Costa del Sol, in Spagna. Angelo è determinato a far conoscere l'eccellenza dei prodotti pugliesi unita al suo impasto unico in quanti più paesi possibili nel mondo.
Certamente le sue carte vincenti sono state la passione per questo lavoro, la conoscenza e la ricerca dettagliata in tutti i prodotti utilizzati derivati ​​dalla Regione Puglia, lo stile e il savoir-faire che solo un Barese ha. Insieme sono stati un valore aggiunto per questo prodotto: vincente.

IMG_0584.JPG

Polignano a Mare... dal 2000

bandiera-italiana-png-11.png
  • Facebook
  • Instagram
bandiera-italiana-png-11_edited.png

Eccellenze Pugliesi

 

nel febbraio 2020, Angelo Condemi riceve il premio presso la Camera dei Deputati di Roma per le "Excellence Pugliesi". La Bella 'Mbriana si distingue per offrire i migliori prodotti della tradizione italiana nelle sue tavole, ogni singolo ingrediente ha una storia da raccontare e la regione Puglia ancora una volta rappresenta il Made in Italy nel mondo.

Star Badge
polignano-a-mare.jpg

Il paese

 

Un'antica leggenda dice che un pezzo della costa greca si spostò e si unì alla costa pugliese. Le origini della città hanno ancora molte domande, tuttavia, gli studiosi ritengono che intorno al IV secolo a.C., Dionigi II, tiranno di Siracusa, fondò una di Neapolis Peuceta. La posizione strategica consentiva il controllo del fiorente commercio marittimo, verso il Mar Ionio. Apparve dapprima come statio lungo la Via Traiana, che collegava Roma a Brindisi, il punto di imbarco per l'Oriente, via Egnathia, ora sede di un parco archeologico e di un museo. Alcuni resti della strada romana sono ancora visibili mentre si scende la scala accanto al ponte. Proseguendo sul percorso, si raggiunge una piccola spiaggia di ciottoli, l'antico porto, da cui si può vedere la straordinaria abilità con cui, l'antico abitante della città, costruì la propria città a picco sul mare.
 

Bayahibe... dal 2016

2000px-Flag_of_the_Dominican_Republic.sv
  • Facebook
  • Instagram
Schermata%202020-10-13%20alle%2011.18_ed

Venite a trovarci nella pagina del Made in Italy, dove potete trovare le migliori eccellenze italiane in Repubblica Dominicana

show-1346-3780459014256927.jpg
IMG_5677_edited.jpg
bandiera-italiana-png-11_edited.png

Little Big Italy


A gennaio 2020, Bella 'Mbriana al Caribe partecipa a un programma televisivo italiano, Little Big Italy. Francesco Panella, famoso ristoratore e presentatore del canale Nove è alla ricerca del miglior ristorante tipico Italiano in Repubblica Dominicana, guarda la puntata e scopri qual'è ...

Star Badge
bandiera-italiana-png-11_edited.png

Restaurant Guru 2020

 

Nell'ottobre 2020, Bella 'Mbriana al Caribe riceve un ulteriore premio dal Restaurant Guru, migliore pizza del Dominicus nel 2020 secondo le recensioni dei visitatori!

 

Un altro grande traguardo per tutto il nostro staff che si impegna a garantire sempre il meglio dei servizi e ad offrire le migliori eccellenze pugliesi e la migliore Pizza della Repubblica Dominicana.

Star Badge
TC-Winner.gif
13963990.png
Star Badge
dominicus-1024x428.jpg

Il paese

Bayahibe fu originariamente fondato come villaggio di pescatori nel 1874, quando fu fondato da Juan Brito e dalla sua famiglia che arrivarono qui da Porto Rico. Bayahíbe è una parola indigena. Il suo significato non è noto con certezza, ma ci sono molti nomi che includono la parola Tainos "Baya". "Baya" è il nome dato a un mollusco bivalve, come le vongole incollate alle rocce o alle radici delle mangrovie. "Fiocco" (o "hib") è il nome di un setaccio ricavato da bastoncini usati per setacciare la farina di manioca.

Bayahíbe, oggi una destinazione turistica, ha la fortuna di vantare più spiagge sulla sua costa, tra cui Dominicus Beach, certificata Bandiera Blu, e molte altre distese bianche come diamanti al largo delle isole Catalina e Saona. Bayahíbe conserva il suo impulso dominicano, dai suoi ristoranti e bar locali alle sue bancarelle di arti e mestieri lungo la strada e ai pescatori che portano il pescato ogni giorno. A parte la vita sul lungomare, le strade di Bayahíbe sono ricche di storia e architettura, con case in legno color pastello, chiese iconiche e vicine grotte di Taino piene di mistero e sorgenti di acqua dolce all'interno del Parco Nazionale Cotubanamá.
 

Marbella... prossima apertura

bandiera-spagna-png-2.png
  • Facebook
  • Instagram
8170b7556d27e0e0c7a3c4d21b763b949ac0dc2a

Il paese

La storia di Marbella iniziò intorno al 1600 a.C. quando fu conquistata dai romani che chiamarono la città Salduba, che significa Città del Sale.
Nel VI secolo gli arabi arrivarono nel sud della Spagna portando il dominio islamico e cambiando il nome della città in Marbil-la. Una fortezza e un muro di difesa furono costruiti con solo tre punti di accesso per proteggerli dagli attacchi dei cristiani. La fortezza rimane oggi, tuttavia il fossato e i portali sono scomparsi. Marbella è stata governata dagli arabi per quasi 9 secoli, il che è ancora evidente oggi dalla sua architettura moresca in varie parti della città. L'originale Medina musulmana nell'attuale centro storico è stata distrutta per aprire una nuova piazza, che oggi si chiama Plaza de los Naranjos, o Piazza Orange.

Per tutto il XIX secolo Marbella rimase una piccola città agricola di soli 10.000 abitanti fino agli anni '40, quando il principe Alfonso de Hohenlohe sbarcò a Marbella a causa di un problema con la sua Rolls Royce. È qui che la storia di Marbella prende una svolta interessante.

Il principe era così incantato dalla città che decise di acquistare terreni a fini commerciali costruendo alberghi e complessi di appartamenti. Nel 1954 ha aperto il Marbella Club Hotel, che si trova ancora oggi sul Golden Mile. Avendo radici aristocratiche e parentela con le corti reali d'Europa.